Home → Blog
Siriofin SpA Società Finanziaria - Nulla è più concreto di ciò che vuoi realizzare

Come risparmiare sul riscaldamento di casa

Risparmiare sul riscaldamento di casa

Perchè parlare ora di come risparmiare sul riscaldamento di casa?

Siamo in Autunno e se è vero che ancora il tempo ci regala delle belle giornate di sole, dobbiamo fare i conti con l’inverno che sta arrivando.

Ci sono pareri contrastanti in merito.

Per alcuni sarà un inverno abbastanza mite, altri invece prevedono temperature molto rigide.

Insomma, ormai non sappiamo più cosa aspettarci!

L’importante è farsi trovare preparati, soprattutto sul fronte riscaldamento domestico!

Nelle case infatti si consuma ogni anno troppa energia, a rimetterci è l’ambiente e il portafoglio.

In inverno si registra un’impennata dei costi sulla bolletta del gas.

Le cause sono molteplici, alcune legate al naturaleaumento dei costi anno per anno, altri legati ai nostri consumi domestici.

Cosa puoi fare tu a casa per risparmiare sul riscaldamento?

Il contributo che puoi dare per le finanze della tua famiglia, è tenere qualche piccolo accorgimento su “come risparmiare sul riscaldamento” per ridurre almeno in parte gli sprechi che fanno salire i costi molto spesso inutilmente!

Cosa fa salire i costi di riscaldamento domestico

Ecco una lista delle principali cause che vanno lievitare i costi del riscaldamento sulla bolletta.
Sui quali possiamo intervenire cercando di ridurre inutili sprechi.

Le principali cause sono:

  • termostato impostato a temperature sopra i 20 gradi;
  • tenere i riscaldamenti accesi anche di notte;
  • infissi non ben isolati che causano una dispersione del calore all’esterno e fanno entrare il freddo all’interno;
  • ostruire i termosifoni;
  • alcuna manutenzione sui termosifoni;
  • piano tariffario troppo caro in bolletta;
  • caldaia senza i dovuti controlli.

Ora che sono i chiari i principali motivi che fanno lievitare la bolletta e sui quali è possibile intervenire, scopriamo allora come farlo!

Consigli su come risparmiare sul riscaldamento della casa

Di seguito una lista di alcuni utili consigli da attuare in casa per risparmiare sul riscaldamento domestico.

Installare i termostati su ogni termosifone

I termostati permettono di regolare la temperatura dei singoli termosifoni di casa e il loro orario di accensione e spegnimento, riducendo e tenendo così sotto controllo i consumi.

Indispensabili oramai se abiti all’interno di un condominio!

Non tenere il termostato impostato a temperature sopra i 20 gradi

Come detto in precedenza, anche in questo caso una temperatura superiore ai 20 gradi oltre che a nuocere al portafoglio, fa molto male anche alla salute.

Dovete sapere ogni grado di differenza permette di risparmiare sul riscaldamento quasi il 10% sulla bolletta!
Siamo sicuri che la prossima volta che dovrete regolare il vostro termostato ne terrete conto!

Non tenere i riscaldamenti accesi anche di notte

Questo consiglio oltre a far bene al portafoglio ha benefici anche sulla salute.

Tenere acceso il riscaldamento di notte, oltre a rappresentare un inutile spreco di energia, non permette inoltre un sonno tranquillo. Meglio al suo posto, qualche strato di coperta in più!

Intervenire sugli infissi non ben isolati

È molto importante intervenire sugli infissi non ben isolati e assicurarsi che lo diventino il più possibile.

Per infissi ci si riferisce soprattutto a finestre con annessi avvolgibili e porte.

Soprattutto per gli infissi un po datati, senza doppio vetro,  è consigliabile usare para spifferi e tende pesanti che agiscono da schermo contro l’aria fredda proveniente dall’esterno.

Il giorno è bene far passare la luce del sole e aprire le finestre per il ricambio dell’aria anche solo per qualche minuto.
La sera invece è bene abbassare tutte le tapparelle e chiudere bene porte e finestre così da sigillare casa.

Vorresti cambiare i tuoi vecchi infissi con dei nuovi e più efficienti?
Con i nostri prestiti sicuri e garantiti avrai in poco tempo il denaro necessario per prenderti cura di te e sentirti protetto in casa.
Richiedi un preventivo gratuito o chiamaci direttamente al numero verde 800929928

Non ostruire i termosifoni

È comune trovare nelle case i termosifoni coperti con delle apposite impalcature ornamentali, usati come stendino per asciugare i panni o ancora nascosti dietro tende o mobili. 

In questo modo i termosifono non sono in grado di distribuire il calore in tutta la stanza come dovrebbero, impedendo così il loro buon funzionamento.
Altro che risparmiare sul riscaldamento! In questo casosi sta sprecando!

Fare manutenzione ai termosifoni

Ogni anno ad inizio stagione è bene assicurarsi che tutta l’aria al loro interno venga tolta.
Il rischio altrimenti  che il termosifone non si riempirà tutto di acqua calda e non scalderà bene.

Come si fa? È semplice!

Basta svitare la rotellina posta in basso ad ognuno di loro.

Armati di un contenitore dove far colare l’acqua che uscirà fuori assieme all’aria evitando così di bagnare e sporcare intorno.

No alle stufe elettriche

Oltre a riscaldare poco l’ambiente e ad essere antiestetiche in casa.
Le stufe elettriche consumano tantissimo e possono essere pericolose.
Perciò è preferibile non usarle!

Piano tariffario troppo caro in bolletta

Tra i costi della bolletta che non dipendono dall’uso che ne facciamo, c’è il prezzo per della risorsa e costi per il suo trasporto.

Informati sulle tariffe del mercato dell’energia elettrica e confronta la tua.
Se reputi che stai pagando troppo rispetto all’offerta di altri gestori puoi valutare la possibilità di cambiare il tuo piano tariffario e il suo gestore.
Inoltri tieni sotto controllo i consumi monitorando periodicamente il contatore.

Fare tutti i controlli periodici sulla caldaia

Sia che tu abbia un impianto di riscaldamento autonomo o centralizzato, i controlli periodici sulla caldaia vanno fatti fare sempre!

Una volta all’anno un tecnico specializzato dovrà venire a casa tua per verificare se l’impianto di riscaldamento è a norma.
Ogni caldaia ha il proprio libretto in cui annotare i controlli fatti. 

Oggi i nuovi modelli di caldaie rispetto alle precedenti, assicurano di risparmiare sul riscaldamento, evitando inutili sprechi.
Grazie anche a prestazioni migliori.

Costano però anche molto di più ma garantiscono un risparmio sulla bolletta nel breve tempo.
E soprattutto tutta la sicurezza necessaria per te e la tua famiglia. 

Si parla di fumi tossici e con certe cose non ci si scherza!

Vorresti regalare a te e alla tua famiglia un impianto di riscaldamento sicuro?
Con i nostri prestiti trasparenti e garantiti avrai in poco tempo il denaro necessario per prenderti cura della tua famiglia.
Chiedi subito un preventivo gratuito!

Ecco come si può morire a causadi una caldaia non a norma
Perciò come aspetti? Contattaci per ottenere un prestito e mettere in sicurezza la tua casa!

Il Cambio di Stagione Armadio, si fa ora!

cambio di stagione armadio

L’autunno porta con sé tanti cambiamenti, nuovi inizi e buoni propositi.
Tra questi c’è anche il fatidico momento del cambio di stagione dell’armadio!
Momento che tanti vivono con molto stress mentre per altri è un modo per liberarsi del superfluo e mettere ordine nella propria vita.

Questo è il momento ideale per fare il cambio di stagione dell’armadio e prepararci così all’arrivo dell’inverno.
L’altro periodo dell’anno in cui va fatto, è in primavera prima dell’arrivo dell’estate.

Il cambio di stagione può trasformarsi in una pratica divertente se vista dalla giusta prospettiva!

Magari durante una fredda giornata di pioggia da passare a casa, ascoltando buona musica e sorseggiando la tua bevanda preferita.

Dedicare parte del tempo a ordinare l’armadio, vedrai che sarà oltre che utile anche terapeutico per te!
Ti costringerà a liberarti del superfluo e, a ritrovare quell’abito proprio quando vorresti indossarlo!

Vuoi mettere poi la soddisfazione di avere un armadio perfetto?
Inoltre se non si possiede tanto spazio diventa anche una scelta obbligata!

Quante volte capita di cercare nell’armadio un determinato capo d’abbigliamento o accessorio e non riuscire a trovarlo?

Quando fare il cambio di stagione

Abbiamo detto che questo è il periodo migliore per fare il cambio di stagione armadio d’Autunno.
Possiamo decidere di dedicarvi un’intera giornata – scelta consigliata – oppure solo dei ritagli di tempo.

Si può iniziare ad esempio a togliere solo i capi che siete sicuri di voler buttare o dare via.
Mettendo da parte quelli che invece si è sicuri di voler tenere ma necessitano di essere aggiustati.

Come fare il cambio di stagione

Ora spieghiamo passo passo come fare il cambio di stagione negli armadi per avere l’armadio perfetto, ordinato e aggiornato.

Per prima cosa è necessario liberare l’armadio da tutto ciò che è al suo interno così da poterlo pulire.

E’ importante ad ogni cambio stagione approfittarne per dare una spolverata all’interno dell’armadio e cambiare i deodoranti o i sacchetti antitarme al suo interno.

Dividere e selezionare

Dopodiché è possibile dedicarsi a dividere gli indumenti e raggrupparli in almeno 4 gruppi:

  • quelli da tenere;
  • da buttare;
  • quelli invece da regalare;
  • indecisi se tenerli o meno.

Gli indumenti da tenere possono essere subito piegati e riposti nelle scatole che avrete scelto per fare il cambio di stagione.

Sono infatti quegli indumenti che sono in buono stato, ancora vi calzano bene e siete sicuri che userete ancora.

Quelli da buttare invece sono abiti ormai usurati, che vi vanno o troppo piccoli o troppo grandi e che non indossate ormai da diverso tempo.

Vi è poi l’abbigliamento che avete deciso di regalare oppure di donare alla raccolta abiti per i meno fortunati.
Sono indumenti ancora in buono stato ma che non vi stanno più oppure che non usate mai e che potrebbero tornare utile a qualcun’altro.

Per ultimi ci sono gli indumenti che non sapete se tenere o meno.
Forse perché vi ricordano un particolare momento o una persona cara.
Prendetevi del tempo per rifletterci su e poi fate la vostra scelta.

Per aiutarvi nella scelta, potreste provare a rispondere a queste semplici domande:

“indosserei ancora quegli abiti un giorno?”

“li ho mai indossati?”

“sono in buono stato?”

“hanno valore?”, se si, di che tipo?

Questo può aiutarvi a decidere cosa fare, ma la scelta finale spetta solo a Voi.

Forza e coraggio!

Una volta deciso cosa tenere e cosa meno, si passa agli abiti invernali fino a quel momento chiusi nelle scatole dal precedente cambio di stagione primaverile.
Cosa tenere? A cosa invece dire per sempre addio?

Una volta che tutto andrà nuovamente al suo posto ci si sentirà soddisfatti e sollevati!

Consigli utili

Passiamo ad elencare tutta una serie di consigli che torneranno utili quando si presenterà il momento del cambio di stagione dell’armadio:

  • quando si pulisce l’armadio una volta svuotato tutto, è consigliabile lasciarlo aperto per qualche ora, così che si asciughi e prenda un po d’aria;
  • fare attenzione se gli indumenti che state selezionando hanno bisogno di essere riparati o contengono oggetti al loro interno;
  • assicurarsi che gli abiti siano puliti prima di essere riposti nell’armadio o nelle scatole contenitore per il cambio di stagione;
  • piegare gli abiti con cura e sistemarli nell’armadio per tipologia, colore o consistenza così da ritrovarli facilmente;
  • lo stesso conservare gli indumenti nelle scatole suddividendoli per: t-shirt, gonne, ecc…;
  • nell’armadio distinguere ciò che va appeso da quello che invece piegato e riposto nei ripiani;
  • lavare sempre gli indumenti prima di riporli nelle scatole, anche se usati una sola volta prima di quel momento;
  • usare sacchetti profumati alla lavanda o all’alloro per tenere lontani ospiti indesiderati come le tarme oltre, a prevenire la formazione di muffa nell’armadio;
  • per organizzare al meglio gli spazi dell’armadio usare i moltissimi accessori presenti sul mercato, divisori, nicchie, ripiani, cassettiere ecc… 
  • riuscire a distaccarsi da ciò che è ormai vecchio, non si usa più da tempo o usurato – peggio se ricordano momento tristi.

Ora cosa fare?

Ora con gli abiti che avete accantonato da regalare, avete la scusa per organizzare un pomeriggio da passare con le amiche.

Anche loro hanno fatto il cambio di stagione dell’armadio?
Ottimo potrebbe essere l’occasione di scambiare i vestiti e garantire loro una nuova vita!

Questo è uno dei tanti modi per cercare di risparmiare tempo, spazio e fatica in casa!
Una lezione di economia domestica da applicare anche in altri aspetti della vita.
Ad esempio per fare ordine delle proprie idee, dei propri progetti ecc…

Per dare forma e realizzare un progetto quando i risparmi non bastano, la soluzione sono i prestiti sotto forma di Cessione del Quinto!
Semplici, veloci e garantiti!

Compila la nostra scheda di contatto per saperne di più o chiama da mobile o fisso il numero verde 800929928 per parlare con un nostro collaboratore!

Cessione del Quinto Pensionato

immagine rappresentante un uomo in età pensionabile potenziale cliente di una cessione del quinto pensionato

Sei in pensione e ti farebbe comodo ottenere un prestito?
Di questi tempi è utile disporre di un piccolo fondo in caso di necessità.
Per non parlare di quando bisogna far fronte a delle spese improvvise che non avevi preventivato.

Oppure hai un genitore anziano che vorrebbe aiutarti economicamente ma, nonostante i tanti sacrifici fatti non dispone di liquidità sufficiente?

Devi sapere che per questi e molti altri casi esiste un prestito sicuro pensato proprio per chi ha una pensione.
Si tratta del finanziamento sotto forma di Cessione del Quinto Pensionato – o anche conosciuta come “CQS” !

Scoprirai le categorie pensionistiche che possono accedere a questa particolare forma di finanziamento.
E quelle che invece ne sono escluse.

Inoltre conoscerai quali vantaggi può offrirti una società che come la nostra è convenzionata con l’INPS, per la richiesta di un finanziamento di Cessione del Quinto Pensionato.

Cessione del Quinto Pensionato – in breve

La Cessione del Quinto pensionato è un prestito sicuro e garantito.
Al suo interno comprende il costo assicurativo rischio vita.
Questo a tutela così anche dei tuoi familiari, su cui non graverà alcun debito in caso di morte del titolare del prestito.

Non dovrai ricordarti ogni mese di pagare la rata perché, ti verrà scalata direttamente dall’importo della tua pensione.
Inoltre la rata che sceglierai non cambierà nel tempo, resterà la stessa per tutta la durata del finanziamento!

La condizione necessaria è che al netto della rata del finanziamento rimanga a disposizione del Pensionato la somma considerata il minimo vitale comunicato dall’INPS.

Categorie pensionistiche accettate

Possono ottenere la Cessione del Quinto pensionati di tutti gli enti pensionistici e casse previdenziali.
A eccezione di alcune categorie INPS che invece ne sono escluse!

Categorie Pensioni INPS escluse

Ecco l’elenco delle categorie pensioni INPS escluse dal poter ottenere un finanziamento sottoforma di Cessione del Quinto Pensionato:

  • pensioni e assegni sociali;
  • invalidità civili;
  • assegni mensili assistenza ai pensionati per inabilità;
  • quelli di sostegno al reddito (VOCRED, VOCOOP, VOESO);
  • assegni al nucleo familiare;
  • pensioni con contitolarità per la quota parte non di pertinenza del soggetto richiedente la cessione;
  • prestazioni di esodo ex art. 4, commi da 1 a 7 – ter, della Legge n. 92/2012.

Guarda l’elenco completo di tutte le categorie pensioni INPS esistenti!

Documentazione necessaria

Se vuoi richiedere un prestito di Cessione del Quinto Pensionato, dovrai assicurarti di disporre dei seguenti documenti:

A chi rivolgersi?

Convenzione con l’INPS

La Siriofin S.p.A. ha stipulato una convenzione con l’INPS per la cessione del quinto pensionati.
Tale convenzione ci permette di offrire ai nostri clienti dei preventivi più vantaggiosi grazie a tassi d’interesse favorevoli rispetto a quelli di mercato.

Grazie a tale convenzione, abbiamo modo inoltre di offrire un servizio più veloce nella gestione della pratica.

Altri servizi offerti

Grazie alla convenzione tra Siriofin S.p.A. e l’INPS, siamo in grado di offrire ai nostri clienti pensionati i seguenti servizi:

  • verifica dei dati anagrafici del richiedente il prestito, individuato tramite il codice fiscale;
  • evidenza del valore della “quota cedibile” della rata di pensione o della retribuzione mensile del richiedente;
  • registrazione dei dati economici relativi al prestito erogato dagli Istituti Finanziari;
  • verifica della congruità degli stessi con i parametri della convenzione;
  • calcolo del costo della copertura Fondo Rischi Inps Gestione Dipendenti Pubblici;
  • notifica del benestare da parte INPS Gestione Dipendenti Pubblici alla erogazione del prestito, con l’indicazione degli estremi per l’eventuale versamento da effettuare a favore dell’Inps Gestione Dipendenti Pubblici per la copertura del Fondo Rischi.

Compila la nostra scheda di contatto per conoscere l’importo che tu potresti ottenere, in maniera gratuita e senza alcun impegno!

Vieni a trovarci Roma in Via Luca Valerio 69 zona Marconi/San Paolo, oppure contattaci da fisso o mobile al numero gratuito 800929928

Oppure scopri qualcosa in più sulla Cessione del Quinto!

Copyright © 2013 Siriofin S.p.A.  •  All Rights Reserved  •  Credits by Trendata Srl