Banche e Covid-19: comunicazione interpretativa dell’UE

Banche e covid-19 la comunicazione interpretativa dell'UE tradotta dall'inglese all'italiano. la foto mostra la cartina dell'europa con sopra un omino

Banche e Covid-19. Di seguito abbiamo tradotto dall’inglese all’italiano la Comunicazione interpretativa della Commissione Europea sull’applicazione dei quadri contabili e prudenziali durante il COVID-19

1. Introduzione e contesto

Il ruolo delle banche nel mitigare l’impatto economico di COVID-19.

A differenza della crisi finanziaria globale, lo shock economico causato dall’epidemia di COVID-19 non proviene dal settore bancario o dal più ampio sistema finanziario.

Le banche nell’UE sono oggi molto più resilienti di quanto non fossero nel 2008.
I coefficienti patrimoniali e le riserve di liquidità sono notevolmente migliorati. La leva finanziaria e il ricorso alle risorse finanziarie a breve termine sono diminuiti.

Gli esercizi di stress test coordinati dall’Autorità bancaria europea (ABE). Hanno dimostrato che il settore bancario dell’UE è abbastanza resiliente. Da resistere a una grave recessione in una vasta gamma di scenari.
Nel frattempo, il più ampio sistema finanziario ha anche affrontato bene le condizioni di stress legate alla crisi di Covid-19.

La solidità delle banche nell’Unione, dovrebbe consentire loro di svolgere un ruolo chiave nella gestione dello shock economico derivante da COVID-19. E nella preparazione per una rapida ripresa.
Anche se le banche saranno inevitabilmente influenzate negativamente dalle difficoltà incontrate dai loro clienti e dalla maggiore volatilità dei mercati finanziari.

Le banche possono svolgere questo ruolo mantenendo il flusso di credito i loro clienti più colpiti, in particolare le piccole e medie imprese (PMI).

Le autorità e gli enti pubblici a livello dell’Unione, degli Stati membri e internazionali hanno intrapreso azioni rapide e decisive per fornire alle banche le misure necessarie per incanalare efficacemente i fondi alle imprese e alle famiglie.

Le banche centrali hanno intensificato il loro sostegno alla liquidità alle banche al fine di promuovere i prestiti bancari a coloro che sono maggiormente colpiti dalla crisi COVID-19 e hanno ampliato i loro programmi di acquisto di attività per garantire condizioni di finanziamento ancora più favorevoli per tutti i settori dell’economia.

I supervisori di 2 banche nell’UE hanno fornito capitale temporaneo, liquidità e aiuti operativi alle banche per garantire che possano continuare a svolgere il loro ruolo nel finanziamento dell’economia reale in un ambiente più difficile.

Inoltre, a livello internazionale, il Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria (BCBS) ha annunciato un ritardo di un anno nella scadenza concordata a livello internazionale per attuare gli standard finali di Basilea III, al fine di liberare la capacità operativa di banche e autorità di vigilanza.

Ed ha concordato di fornire alle banche una maggiore flessibilità nell’introduzione graduale del trattamento regolamentare della contabilità delle perdite su crediti attese per limitare l’impatto sul loro capitale regolamentare.

La Commissione europea, nell’ambito di una risposta coordinata dell’UE per contrastare l’impatto economico della crisi COVID-19, ha utilizzato la piena flessibilità del quadro sugli aiuti di Stato e del patto di stabilità e crescita per consentire agli Stati membri di fornire una risposta di bilancio decisiva e coordinata.

Avvalendosi di questa flessibilità, gli Stati membri hanno attuato misure di soccorso, in particolare sotto forma di garanzie di prestito sostenute dal governo o di sistemi di differimento dei pagamenti (“moratoria”), che forniscono incentivi alle banche per continuare a concedere prestiti in mezzo all’attuale incertezza e alleviare la pressione finanziaria immediata su imprese e famiglie.

Queste misure monetarie, regolamentari e fiscali globali offrono alle banche le risorse e la flessibilità necessarie per sostenere l’economia dell’UE durante la crisi COVID-19.

Le banche devono ora utilizzare il capitale e la liquidità che sono stati liberati per incanalare fondi verso tali imprese e le famiglie. Imprese e famiglie che sono direttamente colpite dall’improvvisa contrazione dell’attività economica. Entro i limiti di un comportamento prudenzialmente sano.

In questo modo, l’entità del danno all’economia dell’UE può essere contenuta e la ripresa arriverà sempre più forte.

La Commissione riconosce e accoglie con favore gli sforzi delle banche per aiutare le famiglie e le imprese a superare questa crisi senza precedenti.

Il settore bancario e il più ampio sistema finanziario dovrebbero essere pienamente impegnati a sostenere la risposta delle politiche pubbliche.

Le sfide economiche poste dalla pandemia di COVID-19 possono essere superate solo con una stretta cooperazione tra attori pubblici e privati.

Il Parlamento europeo, nella sua risoluzione del 17 aprile, ha insistito su un ruolo proattivo per il settore bancario in questa crisi. Mentre i ministri delle finanze dell’UE, nella loro dichiarazione adottata il 16 aprile. Hanno invitato il settore bancario a sostenere le famiglie e le imprese colpite da l’epidemia COVID-19. Con l’obiettivo di garantire la continuità aziendale.

Flessibilità nell’ambito del quadro normativo nel contesto della crisi COVID-19

Il quadro normativo per le banche offre ampio margine di manovra per iniziative pubbliche e private.
Volte a promuovere prestiti continui ai clienti colpiti dalla crisi COVID-19, mantenendo nel contempo un approccio prudente.

La Commissione incoraggia le banche a sfruttare appieno la flessibilità integrata nella contabilità esistente. E le regole prudenziali per sostenere l’economia dell’UE nelle circostanze eccezionali dell’epidemia COVID-19.

L’applicazione delle sole misure di aiuto. Concepite per colmare le esigenze di liquidità a breve termine. Non dovrebbe comportare automaticamente un trattamento contabile o prudenziale più severo, laddove la situazione finanziaria non peggiori altrimenti.

Allo stesso tempo, è fondamentale che le banche continuino a misurare i rischi in modo accurato, coerente e trasparente. In quanto ciò è necessario per monitorare gli effetti della crisi COVID-19 sull’economia dell’UE e fornisce le basi per un settore bancario resiliente.

Ciò significa che le banche devono continuare a identificare le situazioni in cui, i mutuatari possono incontrare difficoltà finanziarie. Difficoltà che potrebbero incidere sulla loro capacità di rimborsare, gli obblighi di prestito a lungo termine.

Le banche devono ugualmente continuare ad applicare le norme di sottoscrizione e conoscenza del cliente come richiesto dalla legislazione dell’UE.

Necessità di una risposta coordinata

Nella sua comunicazione, su una risposta economica coordinata alla crisi COVID-19.
La Commissione ha invitato le autorità prudenziali e contabili, a specificare ulteriormente come utilizzare al meglio la flessibilità, prevista dal quadro normativo esistente.

L’ABE, la vigilanza bancaria della Banca centrale europea (BCE). I titoli europei e l’Autorità per i mercati (ESMA) e il Comitato degli organismi europei di revisione contabile (CEAOB). Hanno chiarito come l’ampia flessibilità integrata negli attuali quadri contabili e prudenziali, consenta di gestire le misure eccezionali.
Misure eccezionali adottate in risposta a questa situazione senza precedenti in una struttura solida ma senza modo dirompente.

La Commissione accoglie inoltre con favore le recenti dichiarazioni del BCBS e dell’International Accounting Standards Board (IASB).

È indispensabile che tutte le autorità continuino ad agire in modo coordinato e coerente. Soprattutto quando specificano come utilizzare la flessibilità integrata nelle rispettive norme.
Questo al fine di fornire la massima chiarezza e garantire condizioni di parità nel mercato unico.

Il regolamento unico si applica a tutte le banche dell’UE. E lo shock causato dalla pandemia non dovrebbe comportare, un’applicazione differenziata delle norme tra gli Stati membri.

Le garanzie o moratoria sui pagamenti concessi nel contesto di COVID-19. Ad esempio, che hanno le stesse caratteristiche, dovrebbero essere trattati allo stesso modo dai supervisori in tutta l’Unione.

Garantire che la flessibilità delle norme si applichi in modo coerente. Ciò contribuisce a preservare l’integrità del mercato unico. Essenziale per procedere a una ripresa più rapida.

La Commissione, invita l’ABE a fare il punto su come. Le garanzie pubbliche fornite in risposta alla crisi COVID-19. Dovrebbero essere trattate ai fini della mitigazione del rischio e fornire ulteriori orientamenti, se del caso.

Diverse misure di soccorso adottate dall’UE e dalle autorità nazionali, hanno effettivamente utilizzato la flessibilità integrata nelle norme.
Al fine di massimizzare la capacità di prestito delle banche.

Le autorità di vigilanza hanno consentito alle banche di ricorrere temporaneamente alla liquidità e ai cuscini di capitale. Mentre le autorità nazionali designate, hanno abbassato diversi requisiti di riserva di capitale macroprudenziale. Determinando di fatto una notevole quantità di capitale da vincoli regolamentari.

Si tratta di misure di soccorso benvenute che riflettono la logica alla base dei buffer prudenziali. E l’importanza di consentire il loro rilascio per garantire la loro usabilità quando necessario.

Le banche dovrebbero utilizzare le riserve di capitale al fine di mantenere i prestiti all’economia reale. E i mercati non dovrebbero allegare alcuno stigma al loro utilizzo nelle circostanze attuali.

La Commissione incoraggia il CERS a coordinare un approccio a livello dell’UE. Questo per quanto riguarda l’uso delle riserve macroprudenziali nella fase di crisi e di ripresa.

Per garantire che le banche possano svolgere il loro ruolo chiave nel sostenere l’economia dell’UE durante la crisi COVID-19.
La presente comunicazione conferma la flessibilità evidenziata dall’ABE, la BCE, l’ESMA e il CEAOB, nonché il BCBS e lo IASB al fine di dare la massima certezza possibile alla questione nel momento attuale.

La presente comunicazione richiama le principali caratteristiche degli orientamenti emanati da tali autorità. Con l’obiettivo di rafforzare l’impegno collettivo verso un’applicazione coerente e concertata della flessibilità integrata nel quadro normativo dell’Unione (sezioni 2 e 3).

La comunicazione sottolinea inoltre il ruolo chiave che il settore bancario dell’UE dovrebbe svolgere, insieme al settore pubblico. Nel limitare l’impatto economico della crisi COVID-19.
Nonché nel promuovere una rapida ripresa dopo la crisi, e evidenzia aree in cui le banche sono invitate ad agire in modo responsabile (sezione 4.).

Infine, la comunicazione evidenzia la necessità di modifiche mirate.
Modifiche ad aspetti specifici del quadro prudenziale per massimizzare la capacità delle banche di continuare a concedere prestiti alle imprese e alle famiglie. Monitorando al contempo come le banche utilizzano le risorse liberate per contribuire alla fornitura di credito bancario (sezione 5 ).

2. Flessibilità incorporata nell’IFRS 9 – Strumenti finanziari

Su richiesta del Financial Stability Board (FSB) e del G20. Lo IASB ha introdotto un approccio più lungimirante al provisioning di perdite su crediti.
Questo tramite l’International Financial Reporting Standard (IFRS) 9.

IFRS 9 è una risposta a una delle lezioni apprese dall’ultima crisi finanziaria.
Quando molte banche avevano accantonamenti per perdite su prestiti insufficienti per assorbire le perdite in caso di inadempienza dei mutuatari.

Sono state espresse preoccupazioni sul fatto che. L’applicazione dell’approccio della perdita di credito attesa (ECL) ai sensi dell’IFRS 9, comporterebbe automaticamente un aumento improvviso e significativo degli accantonamenti.
Accantonamenti per le perdite di credito delle banche, e che ciò, a sua volta. Ridurrebbe la loro capacità di concedere prestiti ai clienti.

L’approccio ECL ai sensi dell’IFRS 9 richiede l’applicazione di giudizio e flessibilità.

Come indicato dallo IASB. Le banche – e altre società – non dovrebbero applicare meccanicamente i loro approcci ECL esistenti, per determinare l’ammontare degli accantonamenti in una situazione eccezionale. Come la crisi COVID-19.

La Commissione si aspetta che le banche utilizzino appieno il giudizio e la flessibilità all’interno dei confini dell’IFRS 9. Per mitigare qualsiasi impatto ingiustificato della crisi COVID-19 sulle disposizioni ECL delle banche, senza compromettere la fiducia degli investitori.

Aumento significativo del Rischio di Credito

La valutazione delle banche relativa a un aumento significativo del rischio di credito (SICR) dovrebbe basarsi sulla vita residua delle attività finanziarie interessate.

Gli improvvisi aumenti puntuali della probabilità di default (PD) – causati dalla crisi COVID-19 – che si prevede siano temporanei. Non dovrebbero comportare un aumento significativo del PD a vita.

Pertanto, dovrebbero non ragionevolmente comportare un aumento significativo del rischio di credito rispetto al previsto PD nei prossimi dodici mesi.

Nel valutare se si è verificato un SICR, le banche dovrebbero dare un peso sufficiente agli scenari basati su prospettive macroeconomiche stabili a lungo termine.

L’IFRS 9 utilizza un riferimento temporizzato (la data di riferimento del bilancio) per valutare se si è verificato un SICR.

Dato il carattere unico della crisi COVID-19. Per le banche è difficile ottenere informazioni sufficientemente ragionevoli e sostenibili per preparare scenari previsionali affidabili per determinare il SICR.

Invece di limitarsi a estrapolare l’attuale incertezza negli anni a venire.
Le banche dovrebbero dare sufficiente peso agli scenari basati su prospettive macroeconomiche stabili a lungo termine come raccomandato dalla BCE.

La BCE ha indicato in una lettera agli enti significativi. Come dovrebbero utilizzare le proiezioni macroeconomiche del personale della BCE, per la valutazione dell’IFRS 9 SICR e l’accantonamento ECL.

Uso della moratoria e determinazione delle modifiche e SICR.

È improbabile che le misure di soccorso temporaneo relative alla crisi COVID-19, come la moratoria privata o statutaria, costituiscano sostanziali “modifiche” ai sensi dell’IFRS 9.

Le banche dovrebbero utilizzare il giudizio quantitativo e qualitativo e tenere conto le caratteristiche specifiche della moratoria.
Questo, per determinare se la moratoria si tradurrebbe in una “modifica” ai sensi dell’IFRS 9. O se una modifica sia “sostanziale” e porterebbe quindi a un riconoscimento del prestito.

La Commissione concorda con la dichiarazione dell’ESMA secondo cui.
Se le misure di sostegno sono temporanee e correlate all’epidemia COVID-19. Se, il valore economico netto del prestito non è influenzato in modo significativo, è improbabile che le modifiche siano sostanziali.

I prestiti non dovrebbero automaticamente essere considerati come aver subito un SICR semplicemente a causa della loro assoggettamento a moratoria legale o privata.

La moratoria ha pertanto un impatto sull’ipotesi confutabile di 30 giorni di prendere in considerazione un SICR. Nonché sui 90 giorni precedenti per considerare un default del debitore.

Tuttavia, i prestiti che hanno funzionato molto prima della crisi COVID-19 e che sono soggetti a una moratoria temporanea privata o legale.
Non porterebbero automaticamente a disposizioni ECL attese significativamente più elevate ai sensi dell’IFRS 9.

Le dichiarazioni pubblicate da EBA e ESMA il 25 marzo 29, chiarivano che il sostegno le misure non comportano automaticamente un SICR.
Ai sensi dell’IFRS 9.

Inoltre, il 27 marzo lo IASB ha emesso un documento sull’applicazione dell’IFRS 9 nel contesto della crisi COVID-19.

Confermando la flessibilità dell’IFRS 9 e facendo esplicito riferimento alle dichiarazioni della BCE, dell’ABE e dell’ESMA30.

La Commissione concorda con le varie dichiarazioni delle autorità. Secondo cui, se le misure di sostegno sono temporanee. E correlate alla crisi COVID-19, è improbabile che le modifiche siano sostanziali.

L’uso delle garanzie sui prestiti e dell’accantonamento ECL ai sensi dell’IFRS 9

Le garanzie sui prestiti non aumentano né riducono il rischio di insolvenza del mutuatario.
Bensì riducono l’ammontare delle perdite creditizie in caso di insolvenza del debitore.

Laddove un governo o un’altra entità fornisca garanzie per i prestiti bancari ai mutuatari. Le banche devono tenere conto di queste garanzie di prestito nel calcolo dell’importo della perdita attesa del credito.

Di conseguenza, l’importo delle perdite attese sul credito sarà inferiore poiché una parte delle perdite sarà compensata dalla garanzia.

Le banche dovrebbero fornire informazioni approfondite sulla determinazione delle perdite attese su crediti ai sensi dell’IFRS 9, comprese le informazioni sugli scenari al ribasso.

Le banche dovrebbero inoltre indicare nelle note specifiche politiche contabili adottate in relazione alla crisi COVID-19.

Tali informazioni consentono agli operatori del mercato di effettuare valutazioni informate sulle esposizioni al rischio di credito delle banche.

I revisori esterni dovrebbero tenere conto delle dichiarazioni rilasciate da BCBS, EBA31, ESMA32, ECB33, IASB34 e nella presente comunicazione nel loro lavoro di revisione.
Il che significa che dovrebbero considerare il giudizio delle banche. E il loro uso della flessibilità incorporata L’IFRS 9 è in linea con tale guida nel formulare il proprio giudizio di revisione.

Ulteriori impatti della crisi COVID-19 sulla revisione legale dei bilanci in generale sono inclusi nella dichiarazione del CEAOB35.

Disposizioni transitorie nel regolamento sui requisiti patrimoniali

Le banche sono incoraggiate ad attuare le disposizioni transitorie dell’IFRS 9 che ridurranno l’impatto dell’accantonamento dell’IFRS 9 ECL sul capitale regolamentare delle banche.

Il regolamento sui requisiti patrimoniali (CRR). Contiene un accordo transitorio che consente alle banche di aggiungere nuovamente al loro capitale di classe 1 di capitale primario (CET1). Qualsiasi aumento degli accantonamenti dovuto all’IFRS 9 Contabilità ECL.

A partire dal secondo trimestre del 2018, solo il 56% delle banche dell’UE nell’UE ha utilizzato le disposizioni transitorie39. Nell’area dell’euro, solo 34 banche sotto la vigilanza diretta della BCE hanno utilizzato questa opzione.

Le banche che hanno deciso di non utilizzare le disposizioni transitorie dell’IFRS 9 nel 2018 potrebbero annullare tale decisione previa approvazione della propria autorità competente.

Le autorità competenti dovrebbero tenere debitamente conto delle attuali circostanze eccezionali.
Dovrebbero inoltre elaborare in modo tempestivo, le domande delle banche.
Per optare per l’applicazione delle disposizioni transitorie dell’IFRS 9 previste nel CRR.

Per limitare la possibile volatilità del capitale regolamentare che può verificarsi se la crisi COVID-19. Si traduce in un aumento significativo dell’ECL, il BCBS ha concordato modifiche alle disposizioni transitorie esistenti.

Tali modifiche consentirebbero di ripristinare il periodo di transizione di 5 anni. E di adeguare la calibrazione delle disposizioni per l’aggiunta di riserve al capitale primario di classe 1.

Oggi la Commissione sta adottando una proposta legislativa per attuare tali modifiche nel diritto dell’Unione.

3. Flessibilità incorporata nelle norme prudenziali sulla classificazione dei crediti deteriorati.

Le norme prudenziali sulla classificazione dei crediti deteriorati (crediti deteriorati) possono accogliere misure di rilievo come garanzie e moratoria privata o statutaria.

A questo proposito, l’ABE e la BCE hanno emesso dichiarazioni e indicazioni con l’obiettivo di fornire chiarezza.
Chiarezza su come gestire in modo coerente gli aspetti relativi a: (i) la classificazione dei prestiti in default e (ii) l’identificazione di esposizioni.

Uso delle garanzie e definizione di default

Le regole prudenziali non impongono a una banca di considerare automaticamente un debitore inadempiente quando fa ricorso a una garanzia.

Mentre il CRR richiede di valutare se è improbabile che un debitore paghi senza ricorrere a una garanzia. Fare ricorso a una garanzia in sé non attiva la classificazione come inadempiente.

Allo stesso tempo, una garanzia non esclude che un debitore sia classificato come inadempiente.

Indipendentemente dall’esistenza di una garanzia, la banca deve formarsi un’opinione sul fatto che il debitore sia in grado di adempiere ai propri obblighi.

In questa fase della crisi COVID-19, molti mutuatari incontrano problemi temporanei per adempiere ai propri obblighi.

Per adempiere ai propri obblighi.
Le banche dovrebbero tenere conto delle prospettive a lungo termine del mutuatario.
Prestando attenzione alle situazioni in cui è più probabile che i problemi temporanei si trasformino in difficoltà a più lungo termine. E alla fine portino all’insolvenza.

Uso della moratoria dei pagamenti e le definizioni di tolleranza e inadempienza.

Gli schemi moratori pubblici e privati ​​introdotti in risposta alla crisi COVID-19.
Non comportano automaticamente una riclassificazione di un’esposizione come: “forborne”, “performante” o “non performante forborne”.

Ai sensi della definizione di tolleranza. Le banche in genere offrono misure specifiche per aiutare i singoli mutuatari. Quelli che stanno vivendo o rischiano di incontrare difficoltà finanziarie temporanee con i loro obblighi di rimborso.
Ad esempio per sospendere temporaneamente i pagamenti di capitale e / o interessi di un prestito.

Se una misura di tolleranza porta a una riduzione dell’obbligo finanziario. La cosiddetta “ristrutturazione in difficoltà”. Ciò indica che è improbabile che il debitore paghi il proprio obbligo.

Tuttavia, i sistemi moratori pubblici e privati ​​introdotti in risposta alla crisi COVID-19 hanno un carattere prevalentemente preventivo e generale.

Esse mirano a far fronte ai rischi sistemici e ad alleviare i potenziali rischi che potrebbero verificarsi in futuro nella più ampia economia dell’UE.

Non sono specifici del mutuatario, poiché la durata dei ritardi nei pagamenti è fissata per ogni mutuatario indipendentemente dalle circostanze finanziarie specifiche del mutuatario.

Per questi motivi, si potrebbe ritenere che non incidano sulla classificazione dei prestiti interessati.

Le moratorie pubbliche e private dovrebbero essere trattate in modo simile nella misura in cui hanno lo stesso scopo e caratteristiche simili.

Le linee guida dell’ABE del 2 aprile 2020 sulla moratoria dei pagamenti.
Specificano a quali condizioni la moratoria dei pagamenti – pubblici o privati – ​​non determina la classificazione come tolleranza.

Laddove il rimborso di un’obbligazione sia sospeso a causa di una moratoria. Il conteggio dei “giorni scaduti” è sospeso e gli eventuali ritardi sono conteggiati in base al piano dei pagamenti modificato.

Mentre le banche sono ancora obbligate a valutare l’improbabilità del debitore di pagare caso per caso. Questa valutazione si riferisce al piano dei pagamenti modificato e, se non vi sono dubbi al riguardo, l’esposizione può rimanere nello stato di rendimento.

Tuttavia, le linee guida dell’EBA sulla moratoria dei pagamenti chiariscono che: le banche dovrebbero continuare ad applicare in modo basato sul rischio le loro consuete politiche, per la valutazione delle inadempienze da pagare.

Anche quando i pagamenti in moratoria non sono classificati come misure di tolleranza. Le banche devono valutare attentamente la qualità del credito delle loro esposizioni, che beneficiano di tali misure. E identificare eventuali situazioni di improbabilità di pagare i debitori ai fini della definizione di default.

Ciò significa che le banche dovrebbero prestare particolare attenzione.
E dovrebbero dare priorità alla valutazione di quei debitori, che hanno maggiori probabilità di incontrare difficoltà di pagamento.

4. Ruolo e responsabilità del settore bancario

Per essere efficaci, il sostegno economico e le misure di aiuto adottate dalle autorità pubbliche, richiedono canali di trasmissione efficaci.
Oltre alla piena collaborazione del settore bancario.

Pertanto, le banche devono collaborare tra loro e insieme alle autorità pubbliche per garantire che vi sia un’adeguata liquidità per prestiti sicuri in tutta l’Unione.

Le misure di sostegno da parte delle autorità pubbliche hanno incanalato ulteriore liquidità nel settore. E hanno rilasciato riserve di liquidità delle singole banche per rafforzare la capacità delle banche di servire il mercato unico.

Le banche sono responsabili del mantenimento del flusso di liquidità e dovrebbero continuare ad assumere il loro dovere collettivo di preservare i prestiti interbancari.

È quindi fondamentale che le banche continuino a prestare a famiglie e imprese e in tutta l’Unione.

Le banche dovrebbero accelerare la trasformazione digitale delle proprie attività e rimanere vigili in materia di frode.

Nel contesto del distanziamento sociale imposto dalle autorità pubbliche, il sistema bancario digitale acquisirà sempre più terreno.
Come mezzo per garantire la continuità dei servizi bancari.

Le varie misure di vigilanza che liberano temporaneamente le banche da determinati requisiti di capitale, creano condizioni migliori per il settore bancario.
Per contribuire allo sforzo collettivo.
E garantire, attraverso il suo ruolo sociale ed economico essenziale, la trasmissione di misure di sostegno pubblico.

Le misure di sostegno sono di natura preventiva. Sono volte a far fronte all’impatto immediato della crisi COVID-19 e alle difficoltà di prevedere il probabile ritmo della ripresa.

Le banche, sebbene sostanzialmente ricapitalizzate, e molto più attrezzate per sostenere scenari avversi rispetto alla crisi finanziaria del 2008/9. Devono tuttavia prepararsi a un peggioramento delle prospettive economiche.
Peggioramento che inevitabilmente aumenteranno i rischi che devono affrontare e i relativi costi.

Le banche devono agire con prudenza per assicurarsi di preservare o rafforzare la propria base di capitale. E implicitamente la loro capacità di continuare a prestare.
Nell’attuale situazione eccezionale, il mantenimento dei dividendi rappresenta un prudente adeguamento delle politiche di distribuzione delle banche.

I supervisori hanno invitato le banche ad astenersi dalla distribuzione di dividendi e dal riacquisto di azioni durante la crisi COVID-19.

Il numero sempre crescente di banche che hanno deciso di sospendere il pagamento dei dividendi è encomiabile.
Tutte le banche dell’Unione sono esortate ad astenersi dal fare distribuzioni di dividendi. A effettuare riacquisti di azioni finalizzati alla remunerazione degli azionisti durante il periodo della crisi COVID-19.

Il settore bancario invierebbe quindi un forte segnale del fatto che è collettivamente impegnato a fare la sua parte per far fronte all’emergenza.
Nelle circostanze attuali, le banche sono inoltre invitate ad adottare un approccio conservativo al pagamento della remunerazione variabile.

L’EBA e il presidente del consiglio di vigilanza della BCE hanno incoraggiato le banche a esercitare moderazione in merito ai bonus. E un certo numero di autorità di vigilanza nazionali ha già intrapreso alcune azioni in tal senso.

Nel contesto attuale, è di fondamentale importanza che, tutte le risorse disponibili per le banche siano mobilitate per rafforzare la solidità delle banche. La loro capacità di prestito e, in definitiva, supportare i loro clienti.

Per le banche, moderare l’ammontare dei premi erogati agli alti dirigenti, e agli alti guadagni in questi tempi difficili, è anche un modo per esprimere solidarietà alle persone colpite dallo scoppio di COVID-19.

5. Monitoraggio e follow-up

L’UE ha dimostrato di essere in grado di rispondere rapidamente alla crisi.

L’EBA, la BCE e le autorità nazionali competenti hanno adottato misure di aiuto per liberare le risorse operative delle banche.
Hanno inoltre fornito orientamenti affinché le banche possano utilizzare la piena flessibilità di il quadro normativo.

La Commissione accoglie con favore queste misure e incoraggia le banche a sfruttare questa flessibilità.
Misure che sono state prese con il chiaro obiettivo di sostenere le banche affinché possano svolgere il loro ruolo nel far fronte alla crisi COVID-19.

La Commissione, insieme alla BCE, all’EBA e alle autorità nazionali, controllerà come le banche useranno la flessibilità e il capitale liberato.
Inoltre queste valuteranno in che misura le misure di aiuto contribuiscono alla fornitura di credito bancario.

Ciò includerà il monitoraggio dei volumi di prestito. Gli standard di prestito, come i criteri di sottoscrizione delle banche.
Per valutare se l’attuale crisi ha un impatto più stretto sull’offerta di credito.

Allo stesso tempo, la Commissione continuerà a contribuire a una risposta coordinata a livello internazionale.
Grazie all’azione normativa globale, in sulla scia della crisi finanziaria del 2008/2009. Il sistema bancario globale presenta livelli di capitale e liquidità significativamente più elevati rispetto all’inizio di quella crisi.

Pertanto, le banche sono in una posizione più forte per assorbire lo shock della crisi sanitaria globale e garantire un finanziamento continuo dell’economia.

Poiché la pandemia è globale e poiché le operazioni bancarie spesso si estendono oltre i confini nazionali. La risposta normativa ancora una volta deve essere coordinato a livello globale.

A tale proposito, il G20 ha emesso nella riunione ministeriale del 15 aprile un piano d’azione. Quest’ultimo che fornisce un’ampia risposta alla crisi COVID-19 e alle sue conseguenze economiche, comprese le azioni nell’ambito della regolamentazione e della vigilanza finanziarie.

Il lavoro della Commissione a livello globale comprende: (i) la condivisione di informazioni sulle misure che l’UE sta adottando.
(ii) Il contributo alla risposta politica globale.
(iii) L’agevolazione dell’attuazione di misure concordate a livello globale nell’UE.

La Commissione accoglie con favore le decisioni del BCBS del 27 marzo e del 3 aprile.
Rispettivamente: di ritardare di un anno l’attuazione degli elementi finali della riforma di Basilea III; e di prorogare le disposizioni transitorie per il trattamento regolamentare del capitale della contabilità ECL.

Questa accoglie inoltre con favore, l’annuncio dell’FSB del 2 aprile.
Esso prevedeva di ridefinire le priorità del suo programma di lavoro per massimizzare il valore del suo lavoro per la risposta COVID-19.

La Commissione prevede si di rinviare l’adozione della sua proposta legislativa sugli elementi finali del quadro di Basilea III. Affinché le eccezionali norme di Basilea III siano effettivamente applicate nell’UE entro gennaio.

Essa terrà conto l’impatto della crisi COVID-19 sulla situazione finanziaria delle banche nella valutazione d’impatto che accompagnerà tale proposta.

Le azioni normative e di vigilanza dimostrano che esiste grande flessibilità, per promuovere prestiti ai clienti colpiti dalla crisi COVID-19, entro i limiti del quadro normativo dell’Unione.

In questa situazione non sono consigliabili cambiamenti di rotta e preferirebbero aumentare l’onere operativo delle banche in quanto le banche dovrebbero adeguarsi a loro.

Inoltre, improvvisi cambiamenti nel quadro contabile e prudenziale dell’UE nel mezzo di una crisi potrebbero erodere la fiducia del pubblico nelle banche dell’UE.

Allo stesso tempo, sono necessarie modifiche mirate a specifici aspetti del quadro prudenziale. Questo per consentire alle banche di svolgere il proprio ruolo fondamentale, nel sostenere le persone e l’economia.

Pertanto, la Commissione sta adottando, insieme alla presente comunicazione interpretativa, una proposta legislativa.
Con lo scopo di attuare le modifiche alle disposizioni transitorie esistenti per la contabilità ECL. E il differimento del nuovo requisito relativo al coefficiente di leva finanziaria presentato dal BCBS.

Nonché alcune modifiche limitate a elementi specifici del CRR.
In quest’ultimo caso per massimizzare la capacità delle banche di assorbire le perdite connesse con l’epidemia COVID-19. E continuare a concedere prestiti a imprese e famiglie, garantendo al contempo la loro resilienza continua.

Potrebbe anche essere necessario rafforzare le misure a favore dei consumatori.
Questo perché il calo del reddito disponibile delle famiglie potrebbe aumentare il sovraindebitamento nell’UE.

Tali questioni saranno prese in considerazione nella revisione della direttiva sul credito al consumo (2008/48 / CE).
E in quella della direttiva sul credito ipotecario (2014/17 / UE), prevista nel 2021.

In futuro, la Commissione collaborerà ulteriormente con il settore finanziario europeo.
In particolare in merito al suo ruolo nella lotta contro il coronavirus.
Ai suoi impatti socioeconomici e al sostegno di una ripresa economica sostenibile.

La risposta deve essere europea, evitando la frammentazione nazionale e azioni non coordinate.

A tal fine, la Commissione avvierà un dialogo con il settore finanziario europeo e altre parti interessate (rappresentanti delle imprese e dei consumatori).
Per esplorare idee su come il settore dovrebbe partecipare agli sforzi per sostenere i cittadini e le imprese durante il periodo di crisi. E durante la successiva ripresa, sulla base delle migliori pratiche.

E in futuro, agevolare una ripresa economica sostenibile basata sulle transizioni verde e digitale nel contesto della prossima strategia di finanziamento sostenibile dell’UE rinnovata.

A tal fine, la Commissione lavorerà a stretto contatto con tutte le parti interessate nel settore finanziario.
Questo per sostenerne il ruolo e l’impegno a sostegno delle imprese e delle famiglie europee.

Consulta se vuoi la versione originale in lingua inglese della Comunicazione interpretativa della Commissione Europea del 28 Aprile 2020.

La Siriofin S.p.A.Società Finanziaria da oltre 20 anni attena alle esigenza di tutti i suoi collaboratori e delle Famiglie italiane.
Si rivolge loro con i Prestiti di Cessione del Quinto.
A questi si aggiunge il Prodotto Finanziario della Delega di Pagamento.

Richiedi subito il tuo Preventivo di Prestito, scrivendoci a: info@siriofin.it oppure contattaci al Numero Verde 800 929928 sempre gratuito. O compilando il nostro form di contatto.

Inoltre possiamo riceverti anche presso i nostri uffici di Roma e Velletri, previo appuntamento.
Ovviamente nella piena osservanza dei vari DPCM in merito all’emergenza sanitaria del Coronavirus.

Sistema Bancario e Covid-19: misure di contenimento

sistema bancario e covid-19 la foto mostra una mapa dell'europa con un omino al centro e il logo di Siriofin Sociaetà Finanziaria di Roma

Sistema Bancario e Covid-19.
L’emergenza sanitaria da Coronavirus sta causando un grave arresto dell’economia a livello mondiale.
Il Covid 19 ha provocato importanti danni al tessuto produttivo delle Piccole e medie imprese, che ricordiamo essere la spina dorsale del nostro Paese.

A pagarne maggiormente sono le piccole e medie imprese e le famiglie.

Molte imprese sono state costrette a fermare temporaneamente la loro attività. Altre purtroppo hanno chiuso per sempre.
Le poche fortunate a cui è stato permesso di restare aperte, hanno comunque subito un enorme calo delle richieste.

Le famiglie, la cui capacità di spesa si è ridotta, le più fortunate, hanno dovuto fronteggiare l’emergenza attingendo dai loro risparmi privati, ritrovandosi con entrate ridotte o peggio nulle.

Commissione Europea – Covid 19 International update n. 6:

Il 30 Aprile la Commissione Europea ha finalmente varato un pacchetto di misure di intervento in merito al sistema bancario.
Misure ideate ad hoc per il periodo di emergenza sanitaria che stiamo vivendo e che sta avendo ripercussioni in tutti i settori.

La Commissione Europea lo comunica attraverso il Covid – 19: International update n. 6.
L’aggiornamento periodico sulle iniziative e le novità adottate a livello internazionale per combattere l’attuale emergenza sanitaria.

Tra le varie misure previste da questo intervento, si è parlato anche di Finanziamenti sotto forma di Cessione del Quinto.

Qual’è l’obiettivo che si vuole perseguire?

Obiettivo:

L’obiettivo di tale intervento in vista dei prossimi mesi, è quello di fare chiarezza, agevolare i finanziamenti alle famiglie italiane e alle imprese.

Quelle famiglie e imprese più colpite dall’emergenza Coronavirus che oggi, necessitano di essere finanziate in vista di una ripresa delle attività a partire dal 04 maggio 2020.

Perciò è chiaro che si cerca di intervenire anche nel comparto bancario per cercare di far risollevare le sorti dell’economia dei vari Paesi coinvolti dal Covid-19.
Lo scopo è quello di minimizzare il più possibile i danni.

Cosa comprende in sintesi – International update n. 6:

La Commissione Europea oltre ad avere definito delle nuove misure del sistema bancario, ha previsto anche una comunicazione interpretativa sui quadri contabili e prudenziali dell’UE, che noi abbiamo tradotto dall’Inglese all’Italiano.

Siriofin S.p.A. – Società Finanziaria – è regolamente iscritta al n° 225 del Nuovo Albo ex art. 106 del Testo Unico Bancario.
Da oltre 20 anni affianco ai suoi clienti per guidarli nella scelta della soluzione ideale ai loro fabbisogni finanziari.

Chiamaci al Numero Verde (da fisso e mobile) 800 929928
dal Lunedì al Venerdì dalle ore 09.00 alle 13.00 e dalle 14.00 alle 18.00.
Oppure scrivici a: info@siriofin.it o compila il nostro form di contatto.

Capitale Umano in Azienda: ripartiamo da qui

Capitale umano in azienda, ripartimao da qui. la foto mostra diverse immagini con focus sul volto delle persone, lo sguardo e le mani incrociate di un team in azienda tese a simboleggiare l'attaccamento al lavoro di squadra e allor sforzo comune per raggiungere lo stesso obiettivo, ripartire assieme dopo il coronavirus.

Capitale Umano in Azienda: ripartiamo da qui . . .

“ Un uomo che lavora con le sue mani è un operaio; un uomo che lavora con le sue mani e il suo cervello è un artigiano, ma un uomo che lavora con le sue mani, il suo cervello e il suo cuore è un artista. ”

(cit. San Francesco d’Assisi).

Abbiamo voluto iniziare con questa bellissima citazione che racchiude l’essenza del nostro articolo di oggi.
L’importanza del capitale umano in azienda – delle persone – la vera risorsa distintiva.

Di quanto – oggi più che mai – è necessario tenerne conto per ripartire dopo l’emergenza Covid19 con rinnovato slancio.

Capitale Umano significato

Quando parliamo di “Capitale Umano” in azienda – ci si riferisce alle risorse umane che lavorano al suo interno – alle persone.

Ognuna di queste porta con sé un bagaglio di conoscenze, cultura e vissuto unico e prezioso.
Ciò che viene definito ” know how “.
Molte volte a dimenticarlo sono le stesse aziende.

Il capitale umano di ognuno di noi si forma negli anni, col proprio vissuto.
Perciò a influenzare tale bagaglio non sono solo gli studi, è la vita stessa nelle sue piccole e grandi sfide di ogni giorno.
A questo poi si aggiungono le persone che si ha la fortuna o la sfortuna d’incontrare nel proprio cammino. Le relazioni che instauriamo con loro e quanto di buono riusciamo a trarre da ciò.

La formazione del proprio capitale umano è un investimento costante, in termini di tempo e denaro.
Un processo continuo che accompagna sempre la vita di ognuno di noi.
Anche quando pensiamo di non aver imparato niente, in realtà lo abbiamo fatto. Aggiungendo inconsapevolemente un tassello nel mosaico.

Capitale umano in Azienda

Il capitale umano in azienda sono i suoi lavoratori, collaboratori e dipendenti. L’insieme delle relazioni instaurate con essi.

È soprattutto nelle situazioni difficili – come quella che stiamo vivendo – che viene alla luce come il fattore umano in un’azienda sia essenziale.
Essenziale ad affrontare gli ostacoli che si presentano.
Necessario a superare le sfide che si presentano e restare in carreggiata.

Si sente spesso che, quella del Coronavirus è una guerra che non si può sconfiggere da soli. Lo stesso vale per le aziende, travolte da questa.
Ognuno combatte la sua personale battaglia cercando di trovare un appiglio e continuare a esistere, a produrre, a fatturare.

Servono gli aiuti da parte dello stato, serve liquidità. Servono i mezzi necessari per andare avanti.
Soprattutto, serve un capitale umano motivato e affiatato.
Un team, una vera e propria squadra.

Tralasciare questo aspetto, può essere fatale oggi per le imprese.

L’emergenza sanitaria ha dato l’opportunità alle aziende di saldare il rapporto con i loro dipendenti.
Far capire di tenere veramente a loro e ripartire assieme, ripartire da qui.

Nel marketing vale la convinzione che un cliente che si è sempre trovato bene con un’azienda, senza mai avere problemi tenderà a “tornare a scegliere” nuovamente questa.
Un cliente perà è nel momento del bisogno che se gestito e supportato adeguatamente per risolvere la problematica, instaura con l’azienda un rapporto a lungo termine di fiducia.

È infatti facile mantenere un rapporto quando tutto va bene.
Ma è nei momenti di difficoltà che bisogna dimostrare di esserci.
Questo è in grado di cementificare le relazioni nel tempo e creare il rispetto reciproco.

Ripartiamo da qui !

Durante questo periodo in cui molti lavoratori sono stati costretti a casa, altri a lavorare nonostante la paura di contrarre il virus.

Quanti sono stati realmente ascoltati, compresi o valorizzati? Quanti resi partecipi delle difficili scelte che le aziende sono state costrette a prendere in queste settimane?

Quante hanno saputo davvero comunicare al loro team? O chiesto cosa fare per venire loro incontro, chiedendo in cambio maggiore flessibilità?
Essere trasparenti con i propri collaboratori non imporre loro alcune scelte.

Bene, è da qui che bisognerebbe ripartire dalle persone.

Un dipendente se motivato, ascoltato e fedele, ha un enorme valore.
Sarà disposto a porti la sua mano nel momento del bisogno.
A farsi portavoce dell’azienda, a impegnarsi perché questa raggiunga gli obiettivi auspicati.

Sarà disposto anche a delle piccole rinunce se vedrà umanità e sincerità dall’altra parte.
Continuerebbe a scegliere la sua azienda tra altre nel momento in cui se ne presentasse l’occasione.

Le aziende devono ricordare che i dipendenti sono i primi interlocutori che si interfacciano con i clienti.
Potenziali “ambassador” dell’azienda. Se così non fosse come si può sperare di essere credibili agli occhi del mercato?

Poter contare su di un team veramente affiatato e orientato a un obiettivo comune.
Un’impresa piccola o grande che sia, in grado di gratificare la sua forza lavoro – economicamente e non solo – renderla fiera di lei. È un’azienda che si vedrà ripagata nel lungo periodo di tutto ciò.

Oggi più che mai i lavoratori hanno bisogno di leader che stimano e non che temono o assecondano.
Per questo è necessario ripartire dal capitale umano in azienda.

Porre così le basi per una ripartenza con il giusto slancio, per fare davvero la differenza.
Ripartiamo assieme, ripartiamo dal Capitale umano in azienda.

La Siriofin S.p.A. Società Finanziaria da oltre 20 anni attena alle esigenza di tutti i suoi collaboratori e delle Famiglie italiane.
Si rivolge loro con i Prestiti di Cessione del Quinto dello Stipendio e della Pensione. A questi si aggiunge il Prodotto Finanziario della Delega di Pagamento.

Richiedi subito il tuo Preventivo di Prestito, scrivendoci a: info@siriofin.it oppure contattaci al Numero Verde 800 929928 sempre gratuito. O compilando il nostro form di contatto.

Inoltre possiamo riceverti anche presso i nostri uffici di Roma e Velletri, previo appuntamento, nell’osservanza dei vari DPCM che si sono susseguiti nelle ultime settimane in occasione dell’emergenza sanitaria del Coronavirus.