SPID cos’è, a cosa serve, perché farlo e come funziona

SPID cos’è, a cosa serve, perché farlo e come funziona

SPID cos'è? l'immagine mostra come con una sola azione su uno dei device disponibili: pc, tablet e smartphone accede a diversi servizi e funzioni messi a disposizione della Pubblica Amministrazione.

Sharing is caring!

SPID cos’è? Questa è una delle prime domande a cui cercheremo di rispondere in questo articolo. Nonostante si sia sentito parlare molto di identità digitale e SPID, sono molti i dubbi ancora su di essa, sulla sua attivazione e funzionamento.
Soprattutto da parte di chi non è molto pratico a utilizzare gli strumenti digitali.

In questo articolo chiariremo gli aspetti principali che riguardano questo argomento.
Un argomento in questi mesi oggetto di forte interesse e molto discusso.
A breve esso interesserà ciascuno di noi, nessuno escluso!

SPID cos’è: significato

La parola SPID cos’è? Non è un termine inglese.
Si tratta bensì di un acronimo, cioè di un nome formato con le iniziali di altre parole. Nel caso della parola SPID il suo significato sta per: “Sistema Pubblico d’Identità Digitale“. Anche chiamata “Identità Digitale Spid”.

É uno strumento pensato e voluto dall’Agenzia pubblica per l’Italia Digitale di proprietà del Governo. Lo scopo è quello di facilitare l’accesso ai cittadini e alle imprese alle attività e servizi disponibili sul web, offerti dalla Pubblica Amministrazione.
Una soluzione semplice, gratuita e funzionale che si basa su credenziali di accesso univoche e più sicure.

A cosa serve il codice SPID?

Abbiamo visto lo SPID cos’è ora spieghiamo a cosa serve.

Il codice SPID permette ai privati e alle imprese di accedere liberamente nelle aree riservate dei vari siti della Pubblica Amministrazione. Ai servizi messi a disposizione da questa.
L’account è unico per tutti i siti, senza bisogno ogni volta di accedere con credenziali ogni volta differenti come fino ad ora.

Si è così liberi di passare da un servizio pubblico all’altro su internet. Risparmiando tempo ed energie, visionando e confrontando documenti e informazioni a noi necessari, seppur presi da fonti pubbliche differenti.

Perché farlo?

Ci sono diversi buoni motivi sul perché crearci una nostra identità SPID.
Intanto perché è utile per i motivi visti sopra, pensate al fatto di poter accedere con un solo account a tutta una serie di funzionalità e servizi pubblici utili per sbrigare pratiche e monitorare la nostra situazione.

Inoltre a breve diventerà obbligatorio farlo se si vuole continuare a usufruire online dei servizi messi a disposizione dalla Pubblica Amministrazione!
Lo possono richiedere anche i cittadini Italiani che risiedono all’estero.

Quando farlo?

A partire dal 28 di febbraio del prossimo anno non si potrà più accedere ai servizi della Pubblica Amministrazione on line con le attuali modalità di accesso.
Questo vale per tutti i siti quali: My INPS, Agenzia delle Entrate, Ripam per candidarsi ai concorsi pubblici, ecc…

Inizialmente la scadenza ultima era stata fissata al 01 ottobre 2020, successivamente spostata a fine febbraio. Questo anche per permettere ai cittadini di avere il tempo per accettare e adattarsi alla nuova situazione.

Ricordiamo che sono ancora molte in Italia le persone che potremmo definire “Analfabeti Digitali”. Questi non hanno accesso ad alcun device o non li hanno mai utilizzato uno, si pensi soprattutto agli anziani che rappresentano la fetta più importante di popolazione nel nostro Paese.

SPID chi lo rilascia

L’identità digitale SPID viene rilasciata da quelli che vengono definiti “Identity Provider” che sta per “Gestori dell’Identità Digitale”.

Gli attuali provider oggi disponibili, sono:

Principali caratteristiche

La scelta tra uno di questi provider va fatta valutando tra le seguenti caratteristiche:

  • Livello di sicurezza, con un punteggio compreso tra 1 e 3. Il primo livello di sicurezza prevede l’autenticazione ai servizi con solo nome utente e password, mentre il secondo livello richiede inoltre la generazione di un codice di verifica temporaneo (one time password). Infine il terzo livello di sicurezza richiede invece le credenziali di accesso, più un supporto fisico di crittografia (smart card o un dispositivo per la “firma digitale remota“).
  • Area geografica in cui è possibile utilizzare l’identità digitale, importante soprattutto per chi risiede all’estero.
  • Esistenza di un Servizio di riconoscimento di persone o meno.
  • Riconoscimento da remoto via web o via cam, che per alcuni è presente ma a pagamento perché si tratta di un servizio aggiuntivo.
  • Riconoscimento online tramite “Carta d’Identità Elettronica 3.0” (CIE), “Carta Nazionale dei Servizi” (CNS).
  • Presenza di un Riconoscimento di firma digitale o meno.
  • Invio del Codice “One-Time Password” (OTP). Si tratta di un codice numerico valido per una sola azione.
  • Registration Authority Officer (RAO), la possibilità cioè di poter fare il riconoscimento di persona necessario per il rilascio dell’identità SPID, direttamente presso gli uffici della Pubblica Amministrazione.

Vedi la tabella del Governo che illustra le principali caratteristiche possedute da ciascun provider di identità digitale SPID e scegli quella che risponde meglio alle tue esigenze.

SPID come funziona

Possedere un’identità digitale SPID a breve sarà necessario per usufruire di alcuni servizi essenziali della Pubblica Amministrazione fruibili online: accesso a My INPS, all’Agenzia delle Entrate, per prenotare prestazioni sanitarie e ancora tanto altro.

Una volta scelto il Gestore dell’Identità Digitale che meglio rispecchia le tue esigenze, non ti resterà che registrarti!
Creare il tuo account, inserendo le credenziali da te scelte e fare il riconoscimento scegliendo tra le diverse modalità presenti: di persona, via webcam e online.
L’accesso può essere fatto da diversi device: computer, tablet e smartphone.

Documenti necessari

Che tu sia residente in Italia o all’estero, per richiedere l’Identità Digitale SPID devi avere con te i seguenti documenti, facilmente reperibili:

Per creare un account SPID è necessaria una mail PEC?

No, per avere un proprio Sistema d’Identità Digitale (SPID) non è necessario disporre di un account di Posta Elettronica Certificata (PEC).
Basta infatti possedere un normale account di posta elettronica personale a proprio nome, facili da creare e del tutto gratuiti.

SPID per aziende

Anche le aziende possono possedere un proprio Sistema d’Identità Pubblica Digitale per uso professionale, che però dovrà essere richiesto e utilizzato dal Responsabile Legale della Società stessa.

Le modalità richieste per la creazione dello SPID per aziende è la stessa vista per le persone fisiche. Basterà selezionare una volta atterrati nella pagina web del provider scelto la sezione dedicata alle persone giuridiche invece che quella per privati.

Siriofin S.p.A. Società Finanziaria di Roma in zona Marconi. É tra le Finanziarie specializzate nei Prestiti non finalizzati: Cessione del Quinto dello stipendio e Cessione del Quinto Pensionato; Delega di Pagamento.

Contattaci subito per il tuo Preventivo Gratuito e Senza Impegno al Numero Verde: 800.929.928 (dal lun. al ven. ore 09.00-13.00 e 14.00-18.00). Scrivici via Mail: info@siriofin.it oppure compila il form di richiesta preventivo!

admin

I commenti sono chiusi