Home → Blog
Economia Domestica Archivi - Siriofin S.p.A.

Disinfettanti Cutanei: quali i pericoli

Disinfettanti cutanei e il loro abuso, quali i pericoli. La foto mostra una persona che sta prendendo dal flacone del disinfettante cutaneo per igienizzare le mani.

Assieme al Coronavirus Covid – 19 in Italia, è scattata la corsa alla frenetica ricerca di mascherine, guanti e disinfettanti.
Ormai introvabili e venduti a prezzi molto alti.

C’è la necessità – corretta – di lavare le mani in continuazione e poi applicare del disinfettante sulla pelle oppure utilizzare direttamente le pratiche salviette disinfettanti.
Una pratica quest’ultima a cui dobbiamo porre la giusta attenzione.

Eh già, perché seppur utile, disinfettarsi le mani in continuazione potrebbe causare dei fastidiosi problemi di cui è bene parlare.

Disinfettante cutanei: definizione

Per disinfettanti cutanei s’intende una sostanza che si utilizza sulla pelle – priva di lesioni.
Capace di uccidere le forme vegetative dei microrganismi e le loro spore.

Disinfettanti Cutanei: tossicità e uso scorretto

Mai utilizzare i disinfettanti cutanei direttamente su una ferita o sulle mucose, perché tossici.Altre cattive pratiche nell’utilizzo dei disinfettanti da evitare, è quello una volta aperti di conservarli a lungo.
Ancora peggio una volta aperti, conservarli senza il tappo o riutilizzare la confezione una volta terminati.

Molti ignorano infatti che col tempo, anche nei disinfettanti possono formarsi dei batteri.
Questi si moltiplicano e possono venire in contatto con noi.
Per questo è sempre consigliato chiuderli accuratamente dopo il loro uso, conservarli per un periodo adeguato come riportato sull’etichetta.

Fare in modo quando si utilizzano di non far toccare la boccetta che contiene la sostanza disinfettante con altra superficie, che sia la pelle un batuffolo di cotone o un piano di lavoro.

Disinfettanti Cutanei: buone pratiche

Prima di acquistare un disinfettante impariamo a leggere e interpretare le etichette.
Chi produce queste sostanze infatti ha l’obbligo di apporre – su ciascun prodotto – un’etichetta autorizzata dal Ministero della Salute e dall’Istituto Sanitario di Sanità.
L’etichetta deve riportare i componenti del prodotto, come utilizzarlo per evitare gli eventuali pericoli legati a un uso sbagliato.

Preferiamo prodotti che presentano una minore tossicità.
Ricordiamo infatti che l’abuso dei disinfettanti cutanei, può causare una brutta irritazione della pelle.

Non utilizzarli su una lesione, in quanto è una sostanza tossica per le cellule vive del nostro organismo.

Prima di applicare il disinfettante cutaneo, è buona cosa lavare accuratamente la pelle con dell’acqua e sapone neutro.
Meglio se quest’ultimo è solido, in quanto meno aggressivo.
Così si riduce di molto il numero di batteri da combattere.

Come per ogni cosa è bene non abusarne e trovare delle soluzioni alternative all’eccessivo ricorso ai disinfettanti cutanei sulla nostra pelle.

Disinfettanti Fai da Te

Contro il rincaro di alcuni prodotti negli ultimi giorni – come i disinfettanti da banco – si stanno diffondendo sul web, tutorial e ricette più o meno attendibili su come preparare a casa dei disinfettanti fai da te.

Non bisogna prendere tutto quello che si legge per buono!

Nemmeno le due ricette dell’Organizzazione Mondiale della Sanità” che circolano da giorni.
Sono vecchie di qualche anno.
Non sono indirizzate a un utilizzo domestico, bensì a laboratori di farmacie.
Anche solo maneggiare quelle sostanze è pericoloso, può causare seri danni.

Se possibile continuate a lavare frequentemente le mani con acqua e sapone.
Limitate l’utilizzo di disinfettante mani solo durante gli spostamenti o fuori casa se impossibilitati a lavarvi le mani.

La Siriofin S.p.A. è la Finanziaria di Roma che da oltre 20 anni soddisfa le esigenze finanziarie dei suoi Clienti.
Offrendo Prestiti e Finanziamenti di Cessione del Quinto dello Stipendio, della Pensione e con la Delegazione di Pagamento.

Compila il nostro form di contatto per richiedere un Preventivo di Prestito Gratuito e Senza Impegno.
Oppure chiamaci al Numero Verde 800929928 dal Lunedì al Venerdì dalle 09.00 alle 13.00 e dalle 14.00 alle 18.00.

Come riciclare regali di Natale senza sentirti in colpa

riciclare regali di natale, l'arte del riciclo

Ti sei lasciato il Natale alle spalle e anche quest’anno hai accumulato un sacco di regali di Natale brutti?
Una parte di te vorrebbe non averli mai ricevuti per non dover pensare a cosa farne ora!
Riciclare regali è questa la soluzione che fa al caso tuo!

Ti senti in colpa perché sono un ricordo e ti sembra come di mancare di rispetto a chi te lo ha donato.
Ma dentro di te sai che quel regalo indesiderato non lo utilizzerai mai!

Per non parlare poi delle decine di scatole di panettone e spumante che riempiono la credenza e che non riuscirai a consumare nemmeno in una vita intera!

Puoi continuare così e in pochi anni ti ritroverai la casa sommersa di cose che non usi e non ti rispecchiano.
Oppure puoi fare un respiro e liberarti finalmente di tutto attraverso la magica arte del riciclo!

Riciclo regali: ecco perché farlo

La tendenza del riciclo regali natalizi è una scelta sostenibile perché va evitare inutili sprechi.
È inoltre anche un modo intelligente per risparmiare soldi, in un periodo dell’anno in cui le spese sono sempre davvero tante!

Si stima che i soldi risparmiati dagli Italiani quest’anno grazie al riciclo dei regali di Natale brutti o indesiderati, si aggira a oltre circa 3 miliardi di euro.
Nonostante in pochi lo ammettono sono sempre di più le persone che si affidano all’arte del riciclo per Natale.

Cosa riciclare a Natale

Idee regalo riciclo, non tutto e non sempre può essere adatto.
Tra le cose da riciclare a Natale per risparmiare e non avere casa piena di oggetti inutili ci sono:

  • libri;
  • accessori;
  • tecnologia;
  • ab­bigliamento;
  • prodotti alimentari;
  • oggetti per la casa;
  • prodotti per la toeletta;
  • regali di Natale per lei;
  • regali di Natale per lui.

Quando riciclare regali

Dopo aver deciso di cedere al riciclo dei regali.
Importante è stabilire quando riciclare i regali ricevuti, in quale occasione farlo.

Ci sono regali che si prestano bene ad essere riciclati tutto l’anno in occasioni diverse, compleanni, anniversari, onomastici e avvenimenti speciali.
Tra questi sicuramente gli accessori, i prodotti per la toeletta e alcuni tipi di abbigliamento.

Altri regali come guanti, sciarpe e cappelli sono prettamente invernali e possono essere riciclati l’anno successivo in occasione del Natale o di qualche compleanno purché non durante i mesi caldi.

I generi alimentari invece sono soggetti a scadenza e sono quel tipo di regalo perfetto da portare come dono in occasione di una cena a casa di amici o parenti per non presentarsi a mani vuote.

Oppure possono rappresentare la scusa per organizzare una cena a casa e, passare del tempo in compagnia degli amici a bere e mangiare.

Come riciclare i regali di Natale

Dopo aver visto quando riciclare i regali ora vi spieghiamo come riciclare un regalo di Natale indesiderato.
Già perché per quanto può sembrare facile molto spesso capita di fare delle spiacevoli figuracce causate dalla distrazione.
Figuracce che si possono evitare seguendo alcuni semplici consigli.

Consigli su come riciclare regali

Ecco 5 consigli su come evitare brutte figure quando si decide di riciclare regali:

  • ricordare chi ti regala cosa, aiutandoti magari con un post-it ed evitando così che il regalo torni al mittente o ad un suo conoscente;
  • controllare che il regalo non abbia dediche o personalizzazioni particolari che renderebbero palese il fatto che si tratti di un regalo riciclato;
  • i regali riciclati devono essere intatti, evita perciò di aprirli, utilizzarli o togliergli il cartellino;
  • se decidi di provare il riciclo regali online mettendolo in vendita su piattaforme tipo e-bay o marketplace di facebook, assicurati di farlo da un nuovo account o che almeno la tua cerchia di amici non ricevano la notifica che state vendendo qualcosa, tra questi potrebbe esserci proprio colui che te lo ha regalato;
  • cerca sempre di riciclare il regalo ad una persona a cui potrebbe piacere e tornare veramente utile, una parte di voi si sentirà meno in colpa.

Riciclare regali di Natale non è bastato a risparmiare la somma di denaro necessaria per le tue spese improvvise o per quel progetto che avevi in mente?

Tranquillo! puoi sempre chiedere un Prestito Veloce e Sicuro, compila la nostra scheda di contatto per essere richiamato per un Preventivo di Prestito Gratuito e senza impegno.
Oppure chiamaci al Numero Verde 800929928 dal Lunedì al Venerdì, dalle 09.00 alle 13.00 e dalle 14.00 alle 18.00.

Se invece ti va di venirci a trovare nei nostri uffici di Roma e Velletri saremo lieti di ascoltarti e bere un caffè assieme.

Come risparmiare sul riscaldamento di casa

Risparmiare sul riscaldamento di casa

Perchè parlare ora di come risparmiare sul riscaldamento di casa?

Siamo in Autunno e se è vero che ancora il tempo ci regala delle belle giornate di sole, dobbiamo fare i conti con l’inverno che sta arrivando.

Ci sono pareri contrastanti in merito.

Per alcuni sarà un inverno abbastanza mite, altri invece prevedono temperature molto rigide.

Insomma, ormai non sappiamo più cosa aspettarci!

L’importante è farsi trovare preparati, soprattutto sul fronte riscaldamento domestico!

Nelle case infatti si consuma ogni anno troppa energia, a rimetterci è l’ambiente e il portafoglio.

In inverno si registra un’impennata dei costi sulla bolletta del gas.

Le cause sono molteplici, alcune legate al naturaleaumento dei costi anno per anno, altri legati ai nostri consumi domestici.

Cosa puoi fare tu a casa per risparmiare sul riscaldamento?

Il contributo che puoi dare per le finanze della tua famiglia, è tenere qualche piccolo accorgimento su “come risparmiare sul riscaldamento” per ridurre almeno in parte gli sprechi che fanno salire i costi molto spesso inutilmente!

Cosa fa salire i costi di riscaldamento domestico

Ecco una lista delle principali cause che vanno lievitare i costi del riscaldamento sulla bolletta.
Sui quali possiamo intervenire cercando di ridurre inutili sprechi.

Le principali cause sono:

  • termostato impostato a temperature sopra i 20 gradi;
  • tenere i riscaldamenti accesi anche di notte;
  • infissi non ben isolati che causano una dispersione del calore all’esterno e fanno entrare il freddo all’interno;
  • ostruire i termosifoni;
  • alcuna manutenzione sui termosifoni;
  • piano tariffario troppo caro in bolletta;
  • caldaia senza i dovuti controlli.

Ora che sono i chiari i principali motivi che fanno lievitare la bolletta e sui quali è possibile intervenire, scopriamo allora come farlo!

Consigli su come risparmiare sul riscaldamento della casa

Di seguito una lista di alcuni utili consigli da attuare in casa per risparmiare sul riscaldamento domestico.

Installare i termostati su ogni termosifone

I termostati permettono di regolare la temperatura dei singoli termosifoni di casa e il loro orario di accensione e spegnimento, riducendo e tenendo così sotto controllo i consumi.

Indispensabili oramai se abiti all’interno di un condominio!

Non tenere il termostato impostato a temperature sopra i 20 gradi

Come detto in precedenza, anche in questo caso una temperatura superiore ai 20 gradi oltre che a nuocere al portafoglio, fa molto male anche alla salute.

Dovete sapere ogni grado di differenza permette di risparmiare sul riscaldamento quasi il 10% sulla bolletta!
Siamo sicuri che la prossima volta che dovrete regolare il vostro termostato ne terrete conto!

Non tenere i riscaldamenti accesi anche di notte

Questo consiglio oltre a far bene al portafoglio ha benefici anche sulla salute.

Tenere acceso il riscaldamento di notte, oltre a rappresentare un inutile spreco di energia, non permette inoltre un sonno tranquillo. Meglio al suo posto, qualche strato di coperta in più!

Intervenire sugli infissi non ben isolati

È molto importante intervenire sugli infissi non ben isolati e assicurarsi che lo diventino il più possibile.

Per infissi ci si riferisce soprattutto a finestre con annessi avvolgibili e porte.

Soprattutto per gli infissi un po datati, senza doppio vetro,  è consigliabile usare para spifferi e tende pesanti che agiscono da schermo contro l’aria fredda proveniente dall’esterno.

Il giorno è bene far passare la luce del sole e aprire le finestre per il ricambio dell’aria anche solo per qualche minuto.
La sera invece è bene abbassare tutte le tapparelle e chiudere bene porte e finestre così da sigillare casa.

Vorresti cambiare i tuoi vecchi infissi con dei nuovi e più efficienti?
Con i nostri prestiti sicuri e garantiti avrai in poco tempo il denaro necessario per prenderti cura di te e sentirti protetto in casa.
Richiedi un preventivo gratuito o chiamaci direttamente al numero verde 800929928

Non ostruire i termosifoni

È comune trovare nelle case i termosifoni coperti con delle apposite impalcature ornamentali, usati come stendino per asciugare i panni o ancora nascosti dietro tende o mobili. 

In questo modo i termosifono non sono in grado di distribuire il calore in tutta la stanza come dovrebbero, impedendo così il loro buon funzionamento.
Altro che risparmiare sul riscaldamento! In questo casosi sta sprecando!

Fare manutenzione ai termosifoni

Ogni anno ad inizio stagione è bene assicurarsi che tutta l’aria al loro interno venga tolta.
Il rischio altrimenti  che il termosifone non si riempirà tutto di acqua calda e non scalderà bene.

Come si fa? È semplice!

Basta svitare la rotellina posta in basso ad ognuno di loro.

Armati di un contenitore dove far colare l’acqua che uscirà fuori assieme all’aria evitando così di bagnare e sporcare intorno.

No alle stufe elettriche

Oltre a riscaldare poco l’ambiente e ad essere antiestetiche in casa.
Le stufe elettriche consumano tantissimo e possono essere pericolose.
Perciò è preferibile non usarle!

Piano tariffario troppo caro in bolletta

Tra i costi della bolletta che non dipendono dall’uso che ne facciamo, c’è il prezzo per della risorsa e costi per il suo trasporto.

Informati sulle tariffe del mercato dell’energia elettrica e confronta la tua.
Se reputi che stai pagando troppo rispetto all’offerta di altri gestori puoi valutare la possibilità di cambiare il tuo piano tariffario e il suo gestore.
Inoltri tieni sotto controllo i consumi monitorando periodicamente il contatore.

Fare tutti i controlli periodici sulla caldaia

Sia che tu abbia un impianto di riscaldamento autonomo o centralizzato, i controlli periodici sulla caldaia vanno fatti fare sempre!

Una volta all’anno un tecnico specializzato dovrà venire a casa tua per verificare se l’impianto di riscaldamento è a norma.
Ogni caldaia ha il proprio libretto in cui annotare i controlli fatti. 

Oggi i nuovi modelli di caldaie rispetto alle precedenti, assicurano di risparmiare sul riscaldamento, evitando inutili sprechi.
Grazie anche a prestazioni migliori.

Costano però anche molto di più ma garantiscono un risparmio sulla bolletta nel breve tempo.
E soprattutto tutta la sicurezza necessaria per te e la tua famiglia. 

Si parla di fumi tossici e con certe cose non ci si scherza!

Vorresti regalare a te e alla tua famiglia un impianto di riscaldamento sicuro?
Con i nostri prestiti trasparenti e garantiti avrai in poco tempo il denaro necessario per prenderti cura della tua famiglia.
Chiedi subito un preventivo gratuito!

Ecco come si può morire a causadi una caldaia non a norma
Perciò come aspetti? Contattaci per ottenere un prestito e mettere in sicurezza la tua casa!

Copyright © 2013 Siriofin S.p.A.  •  All Rights Reserved  •  Credits by Trendata Srl